Aggiornamento Coronavirus- 106 morti, 4,515 casi

Il numero dei morti in Cina per la malattia respiratoria chiamata Wuhan Coronavirus o Novel Coronavirus, secondo Channel News Asia, ha raggiunto quota 106. Non sono stati segnalati decessi al di fuori della Cina e la stragrande maggioranza dei decessi avviene nella provincia di Hubei (76), dove Wuhan è la capitale.

Il numero totale dei casi confermati è salito a 4.515 al 27 gennaio. I numeri della Commissione sanitaria nazionale in un comunicato, in aumento rispetto ai 2.835 segnalati il 26 gennaio.

Le autorità cinesi hanno posticipato l’inizio del semestre primaverile per le scuole e le università di tutto il Paese, prolungando la fine delle vacanze del Capodanno cinese di altri tre giorni, da questo giovedì alla domenica successiva.

Una dichiarazione del ministero dell’istruzione cinese indica che gli istituti scolastici di tutto il Paese riapriranno caso per caso. Gli amministratori delle scuole erano stati istruiti, per precauzione, a “richiedere agli studenti di non uscire, di non riunirsi e di non tenere o partecipare ad attività centralizzate”.

Il virus, emerso per la prima volta nella città cinese di Wuhan, è stato poi identificato in più di una dozzina di altri Paesi, tra cui i primi pazienti confermati in Canada e Sri Lanka. Nessun decesso, collegato al virus, è stato confermato al di fuori della Cina.

La settimana scorsa la Cina ha isolato fino a 15 città nella provincia di Hubei nella Cina centrale – la più grande operazione di quarantena mai effettuata. Le autorità cittadine stanno correndo per costruire due nuovi ospedali appositamente per isolare i nuovi casi e curare i pazienti affetti dal virus.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha confermato ieri che “non è chiaro” se il coronavirus è contagioso durante il periodo di incubazione, prima che compaiano i sintomi. Non ha confermato le affermazioni fatte dalle autorità cinesi nel fine settimana, secondo le quali le persone infette potrebbero diffondere la malattia prima di mostrare sintomi di febbre.

Un confronto tra la SARS e il Coronavirus

L’ultimo aggiornamento

– Il caso più giovane confermato è quello di una bambina di 9 mesi nella capitale cinese.

– Un quinto caso di coronavirus è confermato a Singapore, secondo il Ministero della Salute. Il caso confermato è quello di una donna cinese di 56 anni di Wuhan, arrivata a Singapore con la sua famiglia il 18 gennaio.

– Le autorità cambogiane hanno confermato ieri il primo caso di coronavirus. La paziente è un cinese arrivato con la sua famiglia da Wuhan a Sihanoukville, sul Golfo di Thailandia, all’inizio di gennaio. La Thailandia sta effettuando controlli su tutte le persone che attraversano il confine terrestre dalla Cambogia alla Thailandia.

La Thailandia e Hong Kong hanno segnalato otto casi confermati di infezione da coronavirus. Gli Stati Uniti, Taiwan, l’Australia e Macao ne hanno cinque. Singapore, Giappone, Corea del Sud e Malesia ne hanno quattro. La Francia ne ha tre; il Canada e il Vietnam ne hanno due. Nepal e Cambogia hanno ciascuno un caso.

– L’isolamento, che colpisce 56 milioni di persone, principalmente nelle città dell’Hubei e in altre località strategiche, potrebbe in realtà peggiorare la situazione, secondo alcuni esperti medici. Secondo loro, il blocco rallenta il movimento di forniture mediche critiche e rende le città in isolamento un focolaio di panico.

– Le scorte sono crollate e il prezzo del petrolio è sceso nelle ultime 24 ore, mentre la diffusione del coronavirus spaventa gli investitori di tutto il mondo. Anche lo yuan cinese ha perso valore, e gli investitori hanno continuato a spostarsi in rifugi sicuri come l’oro. Le azioni chiave della Cina, i mercati azionari continentali di Shanghai e Shenzhen, sono scese di oltre il 5% ieri.

– Negli Stati Uniti, almeno 110 persone sono state sottoposte a test per il coronavirus. Tre studenti dell’Università di Washington, recentemente tornati da Wuhan, in Cina, si sono ammalati e sono stati sottoposti al test per il virus, ma i funzionari sostengono che non si tratta di casi confermati. I tre sono stati isolati e curati nei loro dormitori e non sono stati ricoverati in ospedale.

Il sindaco di Wuhan

I principali funzionari del Partito comunista di Wuhan si sono offerti di dimettersi in mezzo alle crescenti critiche per la lentezza della risposta delle autorità locali. Il sindaco Zhou Xianwang dice che lui e Ma Guoqiang, il segretario del partito comunista della città, si assumeranno la responsabilità della crisi e si dimetteranno per “placare l’indignazione pubblica”.

Il sindaco dice che il divieto di viaggiare è “senza precedenti nella storia dell’umanità”. Il divieto è stato emanato la settimana scorsa e ha tagliato fuori la città di 11 milioni di persone. Gli operatori sanitari della città continuano ad accusare il governo civile di Wuhan di reagire troppo lentamente alla crisi. I residenti stanno usando i social media per lamentarsi del divieto di viaggio che rende difficile ottenere cibo e assistenza sanitaria in città.

Ieri i negozi di Wuhan sono rimasti per lo più chiusi. Ma i supermercati, i mercati di prodotti freschi, i negozi e le farmacie sono rimasti aperti. Molte farmacie riferiscono di aver esaurito le maschere protettive e il disinfettante per le mani.

Le strade di Wuhan rimangono per lo più prive di automobili. Molti residenti si sono spostati a piedi o in bicicletta per fare la spesa.

QUI puoi trovare un confronto tra i dati di SARS e Coronavirus.

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!