Bar e club riapriranno presto, ma con 22 requisiti

C’è una buona notizia e una cattiva notizia per i proprietari di bar e club in Thailandia. Potranno riaprire presto. Ma il CCSA ha stilato una lista di 22 requisiti che dovranno soddisfare quando riapriranno le porte ai clienti.

Non sorprende che i proprietari e i rappresentanti siano insoddisfatti della lunga lista di vincoli che gravano sui locali che riapriranno secondo le nuove linee guida della fase 5. L’elenco delle regole sarà presentato al Centro per l’amministrazione della situazione Covid-19 questo venerdì.

Tra le attività che devono essere riaperte in Thailandia, figura l’industria dell’intrattenimento, che comprende pub, karaoke, sale massaggi e altri tipi di locali per adulti. Chiusi da marzo, i locali sono ansiosi di aprire a luglio.

Ecco alcuni dei 22 requisiti

Limitare il numero di clienti

– Controllare la temperatura corporea degli utenti e fornire disinfettante per le mani

Gruppi di persone sedute insieme – massimo 5. Dovranno sedersi a 1 metro di distanza l’uno dall’altro.

– Almeno 2 metri tra i tavoli, o si dovranno installare barriere

Niente canti e balli

– Consumazione di bevande solo in bicchieri, non in bottiglie

– Il personale dovrà indossare maschere E schermi facciali

– Nessun “raduno”, “grida” o “vagabondaggio”.

– I musicisti e gli esecutori dovranno indossare le visiere

Niente gare o attività di gruppo, compresi il biliardo e le freccette

– Garantire l’allontanamento sociale nelle zone fumatori

– Divieto per i “presentatori di prodotti” di sedersi con gli ospiti

La settimana scorsa i musicisti e gli intrattenitori del paese hanno supplicato il governo di permettere loro di tornare al lavoro. Hanno detto ai funzionari che si trovavano in gravi difficoltà finanziarie.

Gli operatori dicono che limitare i clienti a cinque in gruppo potrebbe impedir loro di venire e si lamentano del fatto che le regole per i luoghi di intrattenimento sono più severe di quelle imposte ai ristoranti e alle troupe cinematografiche.

Bar e club aspettano di riaprire

bar e club 22 requisiti per riaprireMa, ansiosi di riaprire le porte, gli operatori di bar e club ammettono che non avranno altra scelta se non quella di rispettare i nuovi requisiti. Nel frattempo sollecitano il CCSA a riconsiderare l’elenco draconiano delle restrizioni e a considerare la possibilità di allentare le regole, prima dell’inizio della Fase 5 o qualche settimana dopo.

Non c’è dubbio che l’industria dell’intrattenimento malconcia del Paese richiederà del tempo per riprendersi. Nelle città della Thailandia, la gente del posto si riprenderà probabilmente con l’aumentare della fiducia negli incontri sociali. Ma per i luoghi turistici, molte delle vecchie attività commerciali andranno semplicemente in bancarotta perché il governo ritarda l’apertura delle frontiere per i turisti internazionali. Molti bar e club non riapriranno mai più. Circa 2 milioni di persone sono impiegate nel settore dell’intrattenimento e della vita notturna del paese.
Nel frattempo, il vice primo ministro Wissanu Krea-ngam dice che il governo prenderà in considerazione la revoca del decreto di emergenza entro questo venerdì.

Wissanu dice che la decisione se revocare o estendere il decreto d’emergenza della Thailandia sarà presa in base “alla valutazione dei rischi di Covid-19”.

“Se il Paese non affronta una seconda ondata di infezioni, allora la legge sul controllo delle malattie trasmissibili è adeguata a contenere il virus”.

 

…Ma chi frequenterà questi luoghi se non ci sono turisti?

 

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!