Bar e massaggi riapriranno in fase 4

Bar e massaggi potrebbero riaprire durante la Fase 4 dell’abolizione sulle restrizioni attuate per la prevenzione della diffusione del Covid-19.

Incontrarsi in un bar o recarsi in uno dei grandi centri massaggi del paese potrebbe diventare di nuovo possibile nella Fase 4, il portavoce del Centro per la Situazione di Covid-19, il dottor Taweesilp Wisanuyothin, portavoce dell’amministrazione, afferma che tali locali sono stati presi in considerazione per la quarta fase della riapertura, in quanto non sono state rilevate trasmissioni locali in quasi 2 settimane.

Non è stata indicata alcuna data, ieri sono stati confermati 17 nuovi casi, ma tutti sono stati importati dai thailandesi di ritorno dall’estero. 13 erano tornati dal Kuwait, 2 dal Qatar e 2 dall’Arabia Saudita. Tutti sono stati riportati a casa nell’ambito di un programma di rimpatrio delle migliaia di thailandesi bloccati all’estero dopo che gli arrivi internazionali sono stati banditi.

Tra le altre attività proposte per la riapertura ci sono scuole, asili, centri scientifici, sale conferenze, produzioni cinematografiche e televisive, parchi di divertimento e acquatici, parchi nazionali, spiagge e luoghi di intrattenimento ed eventi.

Bar e centri massaggi sono tutt’altro che pronti per procedere in questa fase.

“Devo dire che sono preoccupato per questi luoghi a causa delle nostre notizie secondo cui molte massaggiatrici sono state infettate, e ci sono stati casi di infezione provenienti da bar di paesi stranieri come la Corea del Sud. Se volete che le vostre attività ottengano il permesso di riaprire il più rapidamente possibile, dovete mostrarci come controllerete al meglio la diffusione della malattia tra 200-300 persone”.

Il Dr. Taweesilp ha citato lo stesso rapporto di infezioni che si sono diffuse da un bar sudcoreano per un mese per sostenere il continuo divieto di bar e vendita di alcolici in tutti i ristoranti, un’importante fonte di reddito in quei locali. Nonostante il permesso di riaprire, molti rimangono chiusi perché il divieto di vendita di alcolici lo renderebbe non redditizio.

Al momento, i test hanno rilevato 3.101 infezioni in totale, e il numero di morti è a quota 58.

Il governo sta cercando di aumentare il numero dei voli di rimpatrio, e recentemente ha annunciato piani per aumentare il numero giornaliero di arrivi da 400 a 500.

 

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!