Il Covid-19 mette in vendita 100 hotel a Koh Samui

La devastazione economica della pandemia di Covid-19 sui settori del turismo e dell’ospitalità in Thailandia è inestimabile, con arrivi di turisti stranieri vietati da marzo e alberghi chiusi in tutto il paese in aprile. Alcuni in tutto il Paese hanno poi riaperto i battenti, ma quasi 100 hotel sull’isola turistica di Koh Samui sono ora in vendita.

Il presidente dell’Associazione del turismo di Koh Samui dice che i proprietari di quasi 100 hotel locali hanno annunciato piani per mettere in vendita i loro hotel, perché non hanno un flusso di liquidità e le banche non prestano finanziamenti o prestiti per capitalizzare. Ha detto che i loro problemi finanziari sono iniziati alla fine dell’anno scorso e sono aumentati a gennaio, poi la crisi di Covid-19 li ha colpiti duramente a febbraio.

Alcuni proprietari di hotel non sono stati in grado di riscuotere i pagamenti in ritardo dalle principali agenzie turistiche per mesi. Inoltre, durante la chiusura temporanea, i proprietari non hanno avuto entrate, ma hanno dovuto comunque pagare stipendi e altri costi.

A causa della crisi è difficile per loro chiedere prestiti agevolati alle banche per mantenere la loro liquidità, secondo il presidente, che sostiene che vorrebbe che il governo “fornisse un aiuto urgente ai proprietari di hotel con prestiti agevolati prima che sia troppo tardi, perché gli albergatori sono in gravi difficoltà finanziarie”.

“L’impatto non è solo su Koh Samui, ma a livello nazionale”.

Dopo aver promesso trasparenza, il governo ha approvato all’unanimità un pacchetto di stimolo di 1,8 trilioni di baht, destinato a rianimare un’economia che si prevede si contrarrà per la prima volta dal 2009, a causa degli effetti a catena della pandemia. Il pacchetto comprende prestiti agevolati per le attività commerciali colpite, in particolare per le piccole e medie imprese.

 

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!