Il governo introduce tassa sulle emissioni di CO2

Il Dipartimento delle Imposte Thailandese è pronto ad aumentare la tassa sulle “big bike” di 100.000 baht a partire dall’inizio del prossimo anno. La nuova tassa rispecchierà le emissioni di CO2 delle moto.

Il direttore del dipartimento del Bureau of Tax Planning, Nutthakorn Utensute, dice che il Gabinetto regolerà l’aumento delle tasse per le moto di alta potenza in base alle loro emissioni di CO2, piuttosto che alle dimensioni del motore, come originariamente proposto come tassa sulle moto di alta potenza.

Le nuove aliquote possono rappresentare il 3, 5, 9 o il 18% del valore d’acquisto, variando a seconda delle emissioni di CO2.

Gli aumenti di imposta si applicheranno alle moto prodotte o importate a partire dal 1° gennaio 2020. Le moto con motori di 150 cc o meno, probabilmente il 90% di tutte le moto del paese, riceveranno una tassa aggiuntiva intorno ai 1000 baht, che rappresenta un aumento dal 2,5 al 3% del prezzo di vendita o di importazione.

Ma, le ‘big bike’ con motori di 1.000cc o più, saranno tassate di altri 100.000 baht a causa dei maggiori consumi di carburante e delle emissioni di CO2.

Nutthakorn dice….. “L’imposta più alta sulle moto di grandi dimensioni non colpirà la maggior parte dei proprietari, poiché valgono più di 1 milione di Bt, il che significa che i proprietari possono permetterselo. Le moto di grandi dimensioni sono diventate più popolari in Thailandia, ma rappresentano ancora solo il 2-3% del numero totale di moto qui”.

Nutthakorn ha detto che se i produttori non riducono le loro emissioni di CO2, il Dipartimento delle accise colpirà gli acquirenti con ulteriori aumenti fino a 700 milioni di baht all’anno.

 

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!