Ananta Samakhom Throne Hall. Foto di Martinp1.
Ananta Samakhom Throne Hall. Foto di Martinp1.

11.

Per chi arriva dall’Italia è possibile entrare in Thailandia senza Visto, a patto che si abbia un passaporto valido almeno 6 mesi ed un biglietto di ritorno nel proprio paese o verso un’altra meta; si ottiene così la possibilità di rimanere in Thailandia per un massimo di 30 giorni. Recandosi presso una delle sedi diplomatiche sul territorio è possibile poi ottenere una proroga di ulteriori 30 giorni, mentre per soggiorni più lunghi sarà necessario richiedere un Visto adatto. Consultate la sezione Visti e Dogane per informazioni più dettagliate.

Come avrete modo di scoprire, in Thailandia si trovano molti templi, così come numerose sono le chiese in occidente. Questi sono sempre caratterizzati da strutture architettoniche dallo stile unico, influenzati o meno da stili diversi, come quello Lao o Khmer, ma sempre e comunque di assoluta bellezza. Anche chi non ha interesse per le religioni si troverà ad apprezzarne lo stile e l’atmosfera. Quando si è in visita in un tempio, che sia per interesse verso la religione o verso la storia thai dato che molti di questi edifici sacri risalgono a molti secoli fa, bisogna ricordarsi alcune regole fondamentali; non bisogna ad esempio rivolgere la parola ai monaci buddisti, a meno che non siano loro ad iniziare una conversazione: è raro ma accade. Non bisogna inoltre presentarsi in visita ad un monastero vestiti con pantaloncini, gonne o scollature, e non bisogna per nessun motivo porgere qualcosa ai monaci, a meno che non siano loro a chiederlo. Semplici ma importanti regole da rispettare quando si visita un luogo di culto.

Quando invece si ha l’occasione di conoscere un thailandese, è buona norma ricordarsi che ci si trova in un paese asiatico, dunque i modi di fare e le usanze sono leggermente diversi. Anche se non è raro, in Thailandia non si stringe la mano quando si intende salutare, ma le si uniscono come in segno di preghiera. Molti sanno che è meglio non toccare la testa di qualcuno, dato che tale atto viene visto spesso come un gesto provocatorio, così come puntare i piedi in direzione di qualcuno. Per noi possono sembrare gesti normali o magari quotidiani, ma qui è diverso.

Forse sapete già che il costo della vita in Thailandia è decisamente più basso che in occidente. È vero, ma i prezzi tendono a salire durante l’alta stagione, soprattutto a Bangkok e nelle isole delle Andamane, mentre rimangono vantaggiosi in tutto il resto del paese. Basta però cercare l’alloggio in tempo per trovare una soluzione ideale tra comfort e prezzo, data la grande disponibilità di scelta. Per valutare il costo di una vacanza nel regno thailandese è quindi fondamentale conoscere le proprie esigenze.

Indietro

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.