Wat Chai Chumphon Chana Songkhram. Foto di Supercarwaar.
Wat Chai Chumphon Chana Songkhram. Foto di Supercarwaar.

11.

Kanchanaburi è il capoluogo dell’omonima provincia della Thailandia Centrale, situata a circa 120 km da Bangkok dove i fiumi Khwae Noi e Khwae Yai confluiscono dando vita al Mae Klong. L’intero territorio provinciale è da molti anni meta di turisti in cerca di località rilassanti, nonché di viaggiatori amanti della natura e desiderosi di stare a stretto contatto con essa. Al pari di destinazioni come Chanthaburi, infatti, le attrazioni paesaggistiche della zona offrono una grande molteplicità: i percorsi naturali della provincia di Kanchanaburi sono davvero tantissimi e tutti unici nel loro genere, comprendendo una serie di parchi naturali (circa 7) ricchi di corsi d’acqua, laghetti, alte cascate e grotte suggestive.

Anche gli appassionati di storia troveranno interessante una visita a questa parte di Thailandia, dal momento che la città di Kanchanaburi è famosa in tutto il mondo per il suo ponte sul fiume Kwai (o Khwae), simbolo della città. Il ponte non è così maestoso dal punto di vista architettonico, ma la storia dietro la sua costruzione lo è di sicuro; per realizzarlo vennero infatti impiegati prigionieri di guerra durante la Seconda Guerra Mondiale, ed era un collegamento importante lungo la Ferrovia della Morte che porta fino in Myanmar, diventando un punto strategico per i rifornimenti dell’esercito giapponese che tuttavia riuscì ad utilizzarlo soltanto per un brevissimo periodo di tempo. Il ponte si trova a meno di venti minuti dal centro città, e divenne celebre soprattutto dopo l’uscita del film “Il ponte sul fiume Kwai” del 1957. Il numero di morti durante la costruzione del ponte fu altissimo, e l’originale è oggi visibile all’interno del museo ad esso dedicato.

Andando indietro nel tempo, la storia della città ci porta fino all’era neolitica, come dimostrano gli studi archeologici condotti in vari siti che hanno portato alla luce diverse tombe e manufatti di quel periodo, alcuni dei quali visibili al museo nazionale di Ban Kao. Resti archeologici risalenti al IV secolo testimoniano la presenza in quest’area di attività commerciali con le regioni circostanti. Nel sito di Pong Teuk sono visibili i resti di un antico tempio, nei cui dintorni sono stati rinvenuti anche una serie di manufatti provenienti nientemeno che dall’antica Roma.

Indietro