22.

Ponte sul Fiume Kwai, Kanchanaburi. Foto di Wat Chai Chumphon Chana Songkhram. Foto di Supercarwaar.
Ponte sul Fiume Kwai, Kanchanaburi. Foto di Wat Chai Chumphon Chana Songkhram. Foto di Supercarwaar.

Nel complesso l’intera città è molto a misura d’uomo, e nonostante il territorio dell’intera provincia sia parecchio vasto – coprendo una superficie di quasi 20 mila km quadrati – i suoi ritmi sono rimasti tranquilli e i toni decisamente pacati. Se la città di Kanchanaburi – in quanto meta turistica parecchio gettonata facente parte di numerosissimi tour turistici – risulta vivace e movimentata e parecchio orientata a soddisfare le esigenze dei visitatori stranieri, è addentrandosi più nell’hinterland che si ha l’opportunità di scoprire dei luoghi spesso dimenticati dalle classiche rotte, che vi consentiranno di entrare nel cuore della Thailandia quotidiana.

Una volta giunti a Kanchanaburi potrete decidere di noleggiare un’auto, una moto oppure una bicicletta, o ancora di affidarvi ai songthaews per spostarvi verso i vari punti di interesse. Naturalmente i costi variano così come varia la comodità del mezzo di trasporto.

Un po’ fuori dal centro cittadino si trova il sito archeologico di Don Chedi, conosciuto per essere stato il campo di battaglia in cui il re Naresuan sconfisse le forze invasori birmane durante la cosiddetta Battaglia dell’Elefante. Le ricerche condotte sul sito hanno portato alla luce numerosi resti di armamenti ed ossa di elefante, a prova della leggenda tramandata di generazione in generazione.

Il periodo che ha reso celebre questa città e che ha lasciato segni duraturi è quello della Seconda Guerra Mondiale. Il cimitero di guerra di Kanchanaburi e quello di Chongkai sono due testimonianze tipiche del periodo; all’interno di entrambi sono custodite le spoglie di prigionieri inglesi, australiani ed olandesi. Di sicuro interesse storico risulterà una visita al museo dedicato al Secondo Conflitto Mondiale sulla Mae Nam Khwae Road, nei pressi del celebre ponte; sebbene poco curato, si tratta comunque di una valida ed importante testimonianza storica.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.