22.

Krabi. Foto di Marcin Konsek
Krabi. Foto di Marcin Konsek

L’affluenza di milioni di persone che ha visto protagonista il centro abitato negli ultimi anni ha portato anche molta ricchezza a Krabi, facendo circolare molto velocemente l’economia locale, basata sul commercio della gomma e sul turismo. Tutti questi baht incassati dal governo locale hanno reso possibile l’ampliamento della città, con la costruzione di edifici industriali in periferia, nonché il suo abbellimento, con l’inserimento di statue di elefanti a dimensioni reale e altri ornamenti nel centro storico cittadino.

La storia di questa città comincia molto tempo fa. I primi insediamenti sul luogo hanno visto la luce circa 5.000 anni fa, come è confermato da ritrovamenti di resti umani, gioielli e pitture rupestri in alcuni siti archeologici nella zona. Parte di questi ritrovamenti, tra l’altro, sono considerate come le più antiche testimonianze esempio di comunità stabili stanziatesi in quella che è l’odierna Thailandia. Le pitture rupestri possono essere ammirate nel sito di Tham Phi Hua To e in molte altre grotte sotterranee limitrofe.

La provincia di Krabi, la cui capitale è una delle più scenografiche della Thailandia, è ricca di attrazioni turistiche e luoghi di interesse storico e naturalistico, tra cui oltre 150 isole di dimensioni variabili, dalle più note alle meno avvezze alla luce dei riflettori. Capita dunque spesso che i visitatori che passano per Krabi si fermino più del previsto, approfittando delle sistemazioni confortevoli e a costo non elevato. Dopotutto, ed è il motto di Krabi, si tratta di una “città vivibile con abitanti amabili”, risultando una meta perfetta per i viaggiatori alla ricerca di una bella città da visitare con un budget contenuto.

La disponibilità degli abitanti e l’atmosfera che aleggia su Krabi, oltre alle sue bellezze e alla sua storia, la rendono una città da visitare assolutamente. Inoltre, grazie alle linee di traghetti che collegano il porto di Krabi alle isole vicine – tra cui le splendide isole Koh Phi Phi e Ko Lanta – e alla vicinanza con alcune delle più popolari spiagge della regione – come Ao Nang e Railay –, la città risulta un perfetto punto d’appoggio per visitare i dintorni. I trasporti via terra sono facilitati dalla strada nazionale 4 Phetkasem che, attraversando Krabi, corre da Bankok alla Malesia. Non mancano attrazioni neanche per gli amanti delle bellezze naturali o delle escursioni immersi nel verde: a pochi passi da qui troverete diversi parchi nazionali, tra cui Khao Phanom Bencha e Tha Bokk-horani, con le loro splendide cascate e le suggestive grotte naturali. Krabi si affaccia per di più sulla foce dell’omonimo fiume, che con il suo estuario forma una zona umida protetta, incorniciata dalle splendide mangrovie che crescono sulle sue sponde.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.