La tassa sui terreni fa valutare alternative ai proprietari

La nuova Land and Property Tax, che entrerà in vigore nel gennaio 2020, sarà una sfida per il mercato immobiliare thailandese, secondo l’amministratore delegato di CBRE Thailand. In un rapporto aperto ai media, CBRE afferma che i proprietari di siti vacanti pagheranno tasse significative una volta che la nuova legge entrerà in vigore. Molti cercheranno di evitare l’imposta sviluppando il terreno per uso commerciale per generare reddito in modo da non dover vendere il terreno.

“Il rischio è che si creino un onere maggiore per se stessi sviluppando progetti inadeguati e in perdita”.

“In mancanza di esperienza e conoscenza del mercato, potrebbero costruire qualcosa per cui non c’è domanda e finire per pagare alla banca molto più del costo dell’imposta”.

Le alternative

Per molti siti vacanti, lo sviluppo di uffici, negozi o spazi residenziali in affitto non sarà fattibile a causa delle dimensioni o dell’ubicazione. I proprietari potrebbero anche non avere l’esperienza o il denaro per sviluppare i siti. I proprietari terrieri hanno prima di tutto bisogno di vedere quante tasse dovranno pagare, e considerare le loro opzioni per ottenere un reddito dallo sviluppo.

Ad esempio, i parcheggi possono essere una soluzione in aree in cui lo spazio di parcheggio residenziale è basso. Nelle città giapponesi, anche i piccoli siti sono spesso utilizzati per parcheggi commerciali. Ma anche se i tassi di parcheggio sono molto più bassi in Thailandia che in Giappone, per molti siti i parcheggi possono essere il modo più semplice per guadagnare denaro con la spesa più bassa da parte del proprietario, secondo il parere di CBRE.

Una seconda alternativa è la locazione a terzi. Le locazioni potrebbero essere a breve o a lungo termine, ma anche in questo caso solo alcune località offrono un potenziale di sviluppo e una domanda da parte di affittuari terzi.

Un’altra questione sollevata, ma non ancora risolta, è la definizione di “terreno agricolo”, che viene tassato ad un’aliquota inferiore. Per alcuni proprietari terrieri, trovare fonti di reddito supplementari potrebbe essere semplicemente troppo difficile e potrebbero decidere di vendere.

Dopo il 2019, la CBRE ritiene che un maggior numero di siti sarà messo in vendita e che l’offerta e la domanda ridurranno la differenza tra i prezzi richiesti e ciò che gli acquirenti pagheranno.

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!

Summary
La tassa sui terreni fa valutare alternative ai proprietari
Article Name
La tassa sui terreni fa valutare alternative ai proprietari
Description
La nuova Land and Property Tax, che entrerà in vigore nel gennaio 2020, sarà una sfida per il mercato immobiliare thailandese.
Author
Publisher Name
thailandite.com
Publisher Logo