La Thailandia è nella Top5 per gli aumenti degli stipendi

Un rapporto di Thailand Business News indica che la Thailandia è tra i primi cinque paesi al mondo per gli aumenti salariali. L’Annual Salary Trends Report, realizzato dall’ECA (Employment Conditions Abroad) International, ha esaminato l’andamento salariale per 60 paesi e prevede un aumento salariale del 4,1% per la Thailandia nel 2020, rispetto al 3,9% di quest’anno.

In generale, le nazioni asiatiche sono in cima alla lista, classificandosi tra i primi cinque al mondo, secondo il rapporto.

Lee Quane, direttore regionale asiatico dell’ECA International, afferma che la Thailandia si colloca, insieme al Vietnam, tra i primi cinque paesi a causa delle economie in espansione di entrambi i paesi.

“I lavoratori di Vietnam e Thailandia vedranno entrambi aumentare ulteriormente i loro stipendi, poiché i salari nominali che dovrebbero essere corrisposti dai datori di lavoro rimangono ben al di sopra dei bassi livelli di inflazione che questi paesi vedranno nel 2020. Questa è stata una tendenza a lungo termine per entrambi i paesi, poiché la produttività continua a crescere e l’inflazione è controllata”.

Alcuni degli altri paesi di punta:

Singapore
L’aumento salariale a Singapore è leggermente diminuito rispetto all’anno scorso, ma si prevede che nel 2020 sarà superiore del 3% all’inflazione, collocandosi all’11° posto. Singapore si trova al di sopra di Hong Kong, Giappone e Taiwan e Quane afferma che il basso livello di inflazione del paese insieme ad una limitata offerta di manodopera e talenti a causa delle restrizioni all’immigrazione comporterà aumenti salariali che rimarranno elevati.

Cina
L’aumento salariale effettivo in Cina dovrebbe rimanere al di sopra della media globale e regionale del 3,6%.

India
In testa alla classifica c’è l’India, che è stata a lungo al vertice della classifica rispetto ad altre nazioni asiatiche, ma l’India domina ora anche nell’indice globale, con un incremento salariale pari al 5,4% in termini reali. Quane dice che questo è quattro volte più alto di quello di Hong Kong e avverte che tali aumenti potrebbero non essere sostenibili.

Non tutte le nazioni asiatiche stanno sperimentando aumenti degli stipendi, con Pakistan, Malesia e Hong Kong, ad esempio, che vedono una diminuzione o solo un aumento marginale degli stipendi medi.

Malesia
Un calo significativo dello stipendio medio è previsto per i lavoratori malesi, il che significa che si colloca al di sotto della top 10.

Hong Kong
In una città scossa da regolari e spesso violente proteste in corso da giugno, i dipendenti di Hong Kong possono aspettarsi un aumento salariale dell’ 1,4% a causa dell’inflazione.

“Nonostante gli aumenti salariali nominali restino al 4,0% l’anno prossimo, il previsto calo dell’inflazione dal 3,0% al 2,6% implica che quest’anno i dipendenti di Hong Kong vedranno un aumento salariale complessivo leggermente migliore in termini reali”.

Pakistan
L’unico paese dell’Asia-Pacifico che prevede una diminuzione dello stipendio reale, Quane sostiene che l’aumento dell’inflazione e un deprezzamento della valuta significa che i dipendenti pakistani possono aspettarsi un peggioramento della situazione nel 2020.

 

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!

Summary
La Thailandia è nella Top5 per gli aumenti degli stipendi
Article Name
La Thailandia è nella Top5 per gli aumenti degli stipendi
Description
Un rapporto di Thailand Business News mette la Thailandia tra i primi cinque paesi al mondo per gli aumenti salariali. Con un aumento del 4,1% nel 2020.
Author
Publisher Name
thailandite.com
Publisher Logo