La Thailandia riapre a tutto il mondo

I turisti di tutto il mondo sono ora invitati a visitare la Thailandia, indipendentemente dalla situazione Covid-19 del loro paese, con un programma di soggiorno di lunga durata modificato di recente, tramite il visto turistico speciale (STV).

Tuttavia, è necessario che questi viaggiatori rispettino la quarantena obbligatoria di 14 giorni in Thailandia, ha detto martedì la portavoce del vice governo Rachada Dhnadirek.

La politica più liberale rappresenta un’inversione a U del governo ed è progettata per aiutare l’industria turistica in difficoltà.

Le STV erano precedentemente disponibili solo per le persone provenienti da paesi a basso rischio, ma questo severo requisito è stato criticato per il basso numero di turisti che hanno approfittato del programma, con solo 825 persone provenienti da 29 paesi e solo sei yacht di lusso che lo utilizzano, ha detto la portavoce.

Il gabinetto ha anche deciso di prolungare il periodo di soggiorno per i turisti che arrivano con gli yacht con una STV di altri 30 giorni, o 60 giorni in totale, ha dichiarato.

Thailandia riapre svt covidNel frattempo, il primo ministro Prayut Chan-o-cha ha insistito martedì sul fatto che la Thailandia non sta vivendo una seconda ondata della pandemia, né sta affrontando alcuna problematica di super-spreader, come si vocifera.

La verità è che un piccolo gruppo di thailandesi malati si è intrufolato illegalmente nel paese e ha visitato alcuni luoghi, il che non ha fatto altro che provocare controlli di routine per verificare se hanno contagiato qualcun altro, ha detto.

Il premier ha esortato la gente a non farsi prendere dal panico, dicendo che ciò non farebbe che peggiorare la situazione, e ha citato il fatto che un gran numero di prenotazioni alberghiere erano state cancellate nelle ultime settimane a causa di una reazione eccessiva alle notizie dei media su un eventuale super-spreader.

Il dottor Chakrarat Pittayawonganon, del Dipartimento per il controllo delle malattie, nel frattempo, ha rivelato che tra coloro che ora sono in cura per la Covid-19 vi sono quattro operatori sanitari che sono stati infettati in strutture di quarantena statali alternative e in ospedali privati a Bangkok.

Le loro infezioni hanno indotto un’indagine su come gli operatori sanitari avrebbero potuto contrarre il virus e se sia stata colpa loro o di un’altra causa, ha detto.

Le autorità sanitarie hanno registrato martedì 19 nuove infezioni da Covid-19, una delle quali era un uomo nella provincia settentrionale di Chiang Rai, che è così diventato la trentanovesima persona ad aver contratto il virus in un luogo di intrattenimento nella città di confine birmana di Tachileik.

Il paziente di Chiang Rai è l’ultimo cittadino thailandese ad aver preso il Covid-19 all’estero prima di rientrare illegalmente nel paese, ha detto il dottor Chakrarat, ed era asintomatico.

 

 

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!