Le esportazioni di riso verso il minimo degli ultimi 7 anni

Si prevede che le esportazioni di riso thailandese nel 2020 scenderanno al loro minimo storico in sette anni, ha detto giovedì il gruppo di esportatori di riso del paese, in quanto il forte baht riduce la competitività rispetto agli altri fornitori.

Le esportazioni dalla Thailandia, il secondo più grande esportatore mondiale della merce dopo l’India, dovrebbero scendere a 7,5 milioni di tonnellate quest’anno, ha detto la Thai Rice Exporters Association. Si tratterebbe del volume più basso da quando la Thailandia ha esportato 6,6 milioni di tonnellate di riso nel 2013.

La triste previsione è arrivata dopo che la Thailandia non ha raggiunto il suo obiettivo iniziale del 2019, esportando 7,8 milioni di tonnellate di riso l’anno scorso.

Il volume delle esportazioni di riso thailandese è diminuito per due anni consecutivi da quando ha raggiunto il record di 11,60 milioni di tonnellate nel 2017.

“Siamo ottimisti quando diamo la previsione di 7,5 milioni di tonnellate”, ha detto a Reuters Chookiat Ophaswongse, presidente onorario dell’associazione degli esportatori.

“Quest’anno sembra peggiore del precedente, a causa di differenze di prezzo ancora più evidenti”.

I prezzi del riso grezzo thailandese di riferimento al 5% sono rimasti alti fino al 2020, dopo aver scambiato per tutto il 2019 una quantità di riso significativamente superiore a quella della varietà vietnamita, soprattutto perché il baht è aumentato di valore rispetto alle altre valute. I prezzi tailandesi sono stati di circa 75 dollari la tonnellata in più rispetto ai carichi vietnamiti della scorsa settimana.

Il baht è stata la valuta più forte in Asia nel 2019, con un apprezzamento di quasi il 9%. Attualmente è quasi il più alto degli ultimi sei anni.

Anche la siccità – che è stata dichiarata in 18 province nelle regioni agricole centrali, settentrionali e nord-orientali – minaccia di ridurre l’offerta nel 2020, facendo salire i prezzi del riso locale.

La stagione secca è iniziata a novembre e di solito dura fino ad aprile, anche se le autorità hanno detto che potrebbe continuare fino a giugno di quest’anno.

All’inizio di questo mese, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha stimato la produzione totale della Thailandia quest’anno a 18,5 milioni di tonnellate di riso lavorato, in calo del 9% rispetto all’anno scorso.

L’anno scorso, il Ministero del Commercio ha dato una previsione simile per le esportazioni di riso nel 2020 di 8 milioni di tonnellate.

 

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!