Oggi la Thailandia riapre i confini

La Thailandia abolirà il divieto di volo internazionale da oggi. Ma prima di rispolverare la valigia e prenotare il volo, ci sono ancora molte restrizioni sul ritorno degli stranieri nel Paese. L’Autorità dell’Aviazione Civile della Thailandia dice che il divieto di volo internazionale è stato revocato a partire da oggi, 1° luglio, ma “si applicheranno delle condizioni per il ritorno”.

“Le persone che entrano in Thailandia devono rispettare le condizioni, i termini e le regole delle persone autorizzate ai sensi della legge sull’immigrazione, delle leggi sulle malattie trasmissibili, della legge sull’aviazione e del decreto d’emergenza”.

L’annuncio fa seguito all’approvazione da parte del governo di alcuni viaggi di ritorno in Thailandia di stranieri, compresi i viaggi d’affari e gli stranieri con coniugi, titolari di un permesso di lavoro o persone con residenza permanente (non i visti di pensionamento). Al momento non è consentito il turismo generale.

Chi potrà rientrare in Thailandia da oggi?

  1. Cittadini thailandesi
  2. Persone con esenzione o persone considerate, permesse o invitate dal Primo Ministro o dal capo delle persone responsabili della risoluzione di questioni relative allo stato di emergenza ad entrare nel Regno, a seconda delle necessità. Tale considerazione, permesso o invito può essere soggetto a condizioni e termini specifici.
  3. Cittadini non thailandesi coniugi, genitori o figli di un cittadino thailandese.
  4. Cittadini non thailandesi in possesso di un certificato di residenza valido o di un permesso di soggiorno nel Regno.
  5. I cittadini non thailandesi in possesso di un permesso di lavoro valido o che sono autorizzati a lavorare nel Regno, compresi il coniuge o i figli.
  6. Portatori dei beni necessari, con obbligo di ritorno immediato dopo il completamento del lavoro.
  7. I membri dell’equipaggio che devono entrare nel Regno per una missione e che hanno una data e un’ora precisa per il ritorno.
  8. Cittadini non thailandesi che sono studenti di istituti scolastici approvati dalle autorità thailandesi, compresi i genitori o i tutori degli studenti.
  9. I cittadini non thailandesi che hanno bisogno di cure mediche in Thailandia e i loro accompagnatori. Tuttavia, ciò non include le cure mediche per Covid-19.
  10. Individui in missioni diplomatiche, affari consolari, organizzazioni internazionali, rappresentanti governativi, agenzie governative straniere che lavorano in Thailandia, o individui in altre agenzie internazionali, come consentito dal Ministero degli Affari Esteri, compresi il coniuge, i genitori o i figli.
  11. Cittadini non thailandesi che hanno il permesso di entrare nel Regno in virtù di un accordo speciale con un Paese straniero.

Resta inteso che gli stranieri a cui è concesso l’ingresso in Thailandia dovranno passare 14 giorni di quarantena obbligatoria a loro spese (a meno che non siano stati invitati dal governo). Chiunque ritenga che rientrino in una delle categorie descritte nell’annuncio del CAAT (dettagliate qui di seguito) deve contattare la propria ambasciata thailandese locale per ulteriori informazioni.

Sebbene la CAAT abbia permesso la ripresa dei voli nazionali alla fine di maggio, i confini dei paesi sono stati tenuti chiusi fino alla fine di giugno con un divieto assoluto dei voli di linea. Negli ultimi 2 mesi il governo ha anche permesso ai thailandesi di tornare in Thailandia, dove sono stati rilevati molti nuovi casi di Covid-19. Tutti i thailandesi che ritornano in Thailandia devono essere sottoposti a 14 giorni di quarantena sponsorizzata dallo Stato.

Il Dipartimento degli Aeroporti riferisce che meno di 5 milioni di persone sono passate attraverso i 28 aeroporti del Paese dall’inizio dell’anno, la stragrande maggioranza prima che le frontiere fossero chiuse a marzo e le compagnie aeree locali fossero bloccate a terra.

Con la progressiva riapertura del paese nelle ultime settimane, un numero limitato di voli nazionali ha iniziato lentamente ad aumentare l’utilizzo degli aeroporti. Circa 15.000 – 20.000 passeggeri transitano ogni giorno nei 28 aeroporti del Paese. Gli aeroporti thailandesi gestiscono attualmente tra i 60 e gli 80 voli di linea al giorno, in calo rispetto alla media giornaliera di 160-170 voli nazionali degli anni precedenti.

 

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!