Proteste in Thailandia, cosa sta succedendo

Cosa c’è dietro tutte le proteste in Thailandia in questo momento? Cosa chiedono i manifestanti? Chi sono?

Da agosto, un movimento perlopiù di giovani thailandesi, si sta costruendo. È diverso da ogni altro movimento di protesta del passato. Le persone che partecipano ai raduni non si allineano o si identificano con le fazioni politiche del passato. Non sono camicie rosse o gialle. Sono nuovi e sostengono di essere alla ricerca di cambiamenti chiave nel sistema politico thailandese e nel ruolo e nei poteri del capo dello Stato.

Quali sono le loro richieste?

In un manifesto in 10 punti letto per la prima volta il 10 agosto, hanno chiesto la revoca del PM thailandese Prayut Chan-o-cha, lo scioglimento del parlamento thailandese, una nuova costituzione che sostituisca la Carta thailandese del 2017, che la polizia smetta di “molestarli” e che ponga un freno ai poteri del monarca thailandese. Essi sostengono che le elezioni siano state “falsate” e che la selezione del primo ministro thailandese da parte del parlamento thailandese non sia stata valida.

Le loro richieste sono realistiche?

E’ improbabile che l’attuale governo accolga una qualsiasi delle richieste, in quanto ciò comporterebbe la loro perdita di “potere”.

Chi sono i manifestanti?

Sono per lo più studenti con un’età media ben al di sotto dei 25 anni. I due gruppi più grandi si chiamano il Free Youth Movement e lo United Front of Thammasat and Demonstration.

Oltre a questi due gruppi, è un po’ più complicato. Ci sono altri gruppi che spingono su questo e su quel tema, tra cui i gruppi LGBT e i gruppi per i diritti delle donne. Ma sono comunque tutti uniti nella spinta principale delle richieste centrali. L’attuale fenomeno di protesta ha raggiunto anche le classi delle scuole secondarie con il movimento dei Bad Student, che ha visto l’alzata provocatoria del saluto a tre dita da parte degli studenti delle scuole thailandesi, precedentemente compiacenti, durante l’assemblea mattutina, l’alzabandiera e il canto dell’inno nazionale.

Come nuova generazione di thailandesi, hanno anche poco timore nel sollevare questioni “scomode” che limitavano le precedenti generazioni di thailandesi. Sono il primo movimento di protesta a dichiarare pubblicamente l'”impronunciabile” e a criticare apertamente il ruolo del monarca thailandese.

proteste in Thailandia

Quali sono le loro tattiche?

Finora i manifestanti sono rimasti pacifici durante i raduni, tranne qualche piccola rissa con la polizia. Il loro vantaggio principale è la loro giovinezza, l’uso dei social media, le loro costanti e implacabili richieste e la loro risolutezza. Nell’ultimo round di giochi di protesta tra gatto e topo con la polizia, i manifestanti hanno dimostrato di essere in grado di tenersi un passo avanti ai funzionari e di cambiare tattica e posizione in pochi istanti.

Sono anche molti e non hanno problemi ad attirare folle di oltre 30.000 persone.

Come ha risposto il governo di Prayut?

Il premier thailandese aveva chiarito di voler evitare a tutti i costi la violenza negli ultimi mesi di proteste studentesche. Ma quando mercoledì scorso un corteo reale è finito in mezzo a una folla di manifestanti, la situazione è cambiata rapidamente e meno di 12 ore dopo è stato emanato lo stato di emergenza.

Come, o perché, il corteo sia stato autorizzato a prendere una strada dritta nel percorso di una protesta annunciata è oggetto di dibattito, ma il primo ministro monarchico ha visto l’ “incontro” come un passo troppo lungo.

Il governo ha imposto lo stato di emergenza che vieta l’incontro di più di 5 persone in tutta Bangkok. Vieta anche la pubblicazione di post, notizie o informazioni online “che potrebbero nuocere alla sicurezza nazionale”. Permette inoltre alla polizia di arrestare chiunque sia collegato alle proteste e di mettere in sicurezza “qualsiasi area” ritenga necessaria. Lo Stato di emergenza durerà fino al 14 novembre, a meno che la proclamazione non venga prorogata.proteste anche a chiang mai

Ha qualcosa a che fare con la pandemia di Covid-19?

No. I cambiamenti richiesti dai manifestanti si sono fatti sentire per molti anni, molto prima che la pandemia di Covid-19 si verificasse.

Quali riforme alla monarchia thailandese stanno cercando i manifestanti?

I manifestanti chiedono l’inversione dei poteri costituzionali rivisti di Sua Maestà il Re, che sono stati messi in atto nel 2017.

Gli attivisti affermano che i nuovi poteri acquisiti sono il vento di ritorno dei cambiamenti dal Siam alla Thailandia nel 1932, quando i poteri assoluti del monarca furono rimossi da una nuova monarchia costituzionale che sanciva la democrazia rappresentativa (il paese era stato ribattezzato il 23 giugno 1939). I manifestanti sostengono che la monarchia è ora “troppo vicina” all’esercito thailandese e sostengono che questa relazione sta minando la democrazia della Thailandia.

I manifestanti vogliono che S.M. il Re rinunci agli ulteriori controlli che ha recuperato sul patrimonio del palazzo, stimato intorno ai 30 miliardi di dollari. Ha anche preso il controllo diretto di 3 battaglioni dell’esercito thailandese.

Sono anche irritati perché S.M. il Re ha appoggiato il PM Prayut e l’elezione del partito Palang Pracharat e la coalizione del partito Palang Pracharat dopo l’elezione del 24 marzo 2019. Le cifre dell’opposizione sostengono che l’elezione è stata “falsata” utilizzando un eccesso di potere legale per cancellare i voti dei deputati dell’opposizione e sciogliere i partiti.

Infine, i manifestanti dicono che il re thailandese passa la maggior parte dell’anno in Baviera in Germania, e sottolineano il suo presunto stile di vita stravagante.

Quali sono le leggi di lèse majesté?

Le leggi di lèse majesté sono un insieme draconiano di leggi che impediscono di criticare o insultare il monarca thailandese o la famiglia reale. La violazione delle leggi può comportare una pena detentiva di 15 anni. La monarchia è protetta dalla Sezione 112 del Codice penale thailandese.

Il palazzo o il monarca ha fatto qualche commento sulla situazione attuale?

No.

Come funzionano in pratica le leggi di lèse majesté?

A giugno, il primo ministro Prayut ha annunciato che la legge lèse majesté non sarà più applicata per espressa volontà di Sua Maestà. Ma non c’è mai stato un commento ufficiale in merito da parte del Palazzo.

Ma la polizia ha comunque arrestato e accusato i thailandesi di commenti contro la monarchia o contro il Re sui social media applicando la legge sui crimini informatici e le leggi relative alla Sedizione.

 

Ricorda di seguire la nostra pagina Facebook e Instagram, per rimanere sempre aggiornato su nuove guide e notizie sulla Thailandia!